Di.Co.Si.® nella Via del SÉ®

Di.co.si.

Di.Co.Si.® è acronimo per Dinamica Consapevole Sistemica.
Con questa definizione si sintetizza il significato del metodo utilizzato nel percorso della Via del SÉ che si propone come obiettivo quello di sviluppare in modo consapevole la percezione del sentire del SÉ per divenire autonomi nel discernimento, che è indispensabile per essere in grado di saper scegliere e liberarsi da tutto ciò che è altro dal SÉ. Il percorso di consapevolezza, articolato in più incontri, si avvale della Palestra del SÉ®, esercizi di allenamento sul sentire del SÉ che si svolgono in gruppo in un Campo per costellazioni familiari oppure in coppia in un Campo creato tra due partecipanti. A sostegno della difficoltà iniziale a riconoscere il sentire del SÉ e distinguerlo dal sentire emozionale o mentale, vengono utilizzate AcHuarmoniche®, acque ad alta vibrazione provenienti da luoghi sacri della Terra insieme a suoni armonici di campane tibetane e meditazioni guidate. Tengo a specificare che in questo contesto, l’utilizzo del termine “sacro” non ha alcun legame con religioso anche se in alcuni casi un luogo sacro può ospitare sul suo territorio templi religiosi come nel caso di Lourdes o di Monte Sant’Angelo.
Queste Acque Vive sono interpretate come doni che la Madre Terra offre per potenziare il meridiano del Cuore affinché entriamo più rapidamente in contatto con l’innocenza della Coscienza. Sono quindi Acque terrene, non caricate con forme-pensiero umane, come può essere l’acqua diamante o l’acqua radionizzata.
Per innocenza della Coscienza intendo quello stato dell’essere nel primo periodo dopo la nascita quando ancora la spontaneità del sentire non viene alterata da insegnamenti istituzionali-familiari. È appunto a quello stato di purezza, che ignora pregiudizi e giudizi, che dobbiamo tornare per avvalerci del “chiaro discernimento” lo strumento del SÉ.
Il SÉ è altro dalla personalità o finzione giuridica nella quale ci identifichiamo. È lo Spirito, l’Essenza, la Presenza che dovrebbe essere al timone della vita in ognuno di noi e dovrebbe ricoprire il ruolo di imperatore con supremazia di scelta su tutti gli altri corpi, fisico, emozionale, mentale.
Una volta riconosciuto che al comando della nostra vita non è il SÉ ma la nostra personalità, schiava delle istituzioni perché bisognosa di appartenenza, e delle persone perché bisognosa di conferme affettive, sentiamo l’impellente esigenza di uscire dalla sua prigione interiore per ricollegarci alla dolce forza del nostro SÉ.
Ma come fare?
Per poter vedere le situazioni da un altro punto di vista abbiamo bisogno di una mano di aiuto da parte di qualcuno che è riuscito ad uscire dalle spire di Matrix. Da soli non possiamo farcela, non per mancanza d’intelligenza, forza, coraggio ma proprio perché in buona fede continuiamo a dare consenso alle strategie del sistema dell’inganno. A causa di questa sudditanza, più o meno consapevole, non utilizziamo lo strumento vincente che è il Sentire del SÉ.

L’obiettivo di Prismablu, pertanto, è quello di educare a discernere il Sentire puro del proprio SÉ diverso dal sentire dell’anima, fonte energetica della personalità, inquinata da parziali verità apprese nel sistema familiare di origine e non ancora purificata.
La chiarezza interiore, acquisita nel percorso della Via del SÉ con strumenti efficaci, consente di fare scelte in sintonia con la mentalità più profonda del SÉ e ne facilita l’adempienza senza poi sentirsi in colpa e cadere nella trappola della manipolazione più o meno consapevole del proprio ego e di quello di altri.

Di.Co.Si. La Via del SÉ, ACRONIMO di:

Di: Dinamica
Perché è un metodo esperienziale dinamico che presuppone un movimento interiore che consiste nel coraggio di ritirare la propria fedeltà a valori acquisiti ciecamente nel proprio sistema istituzionale-familiare per rivederli con gli occhi della propria coscienza.

Co: Consapevole
Molto spesso, guardandoli da altri punti di vista, i Valori a cui siamo asserviti più o meno consapevolmente, acquisiscono una connotazione meno assoluta e più relativa. Con questa consapevolezza cominciamo a sentirci più sicuri e a dare Noi, a noi stessi, il consenso a cambiare accogliendo la responsabilità di pensare altrimenti anche a costo di non essere compresi e condivisi. Nella dinamica di trasformazione dalla personalità al SÉ, nessuna esperienza appare mai più totalmente negativa o inutile. Nel procedere oltre, una parte di vissuto viene sempre integrato se non altro per la funzione evolutiva che ha avuto, alla luce di una coscienza più matura.

Si: Sistemica
Siamo unici e nello stesso tempo interconnessi al sistema familiare e istituzionale attraverso l’eredità genetica del nostro DNA e della trasmissione di impegni, voti, giuramenti presi da coloro che ci hanno preceduto in un tempo in cui non eravamo ancora capaci di intendere e di volere (vedi per esempio l’impegno con la Chiesa cattolica e il battesimo acconsentito al posto nostro dai nostri genitori). Per quanto riguarda la religione, appunto, siamo stati abituati a dare per scontata l’appartenenza ad essa senza approfondire quanto le sue regole possano limitare la nostra libertà di pensiero consapevole nelle scelte. Non ci passa nemmeno per la testa di prenderci il tempo di verificare con la nostra Coscienza fatti storici, documenti, verità dichiarate e verità nascoste per poi prenderci la responsabilità di comprendere se siamo in accordo con le regole istituzionali o se siamo condizionati inconsciamente da scelte che altri hanno fatto per noi. Il condizionamento inconsapevole che subiamo, come fossimo robot programmati, attraverso un inconsapevole “tacito consenso”, annebbia il sentire libero del SÉ per cui il pensiero di approfondire con il nostro Cuore e la nostra Testa scelte di vita imposteci, anche se in buona fede, viene sentito nel nostro interiore come fastidioso, perditempo, irrispettoso. Per assurdo, un diritto, quello di approfondire e verificare, tipico di una persona libera e matura viene vissuto come colpa, spesso non ascoltato e da noi stessi interiormente allontanato. Nel frattempo, senza che ce ne accorgiamo, la vita diventa rinuncia, sofferenza, obbedienza, ricalco di protocolli vissuti e trasmessi da nostri antenati a noi.
Se però ci risvegliamo e con la Coscienza libera andiamo oltre i confini del sistema di appartenenza attraverso tradimenti evolutivi consapevoli, per legge transitiva, le nostre scelte, diverse e in coerenza con leggi più elevate, quali la libertà responsabile delle scelte, influenzeranno il sistema poichè esso è anche in noi.

In proposito a quanto ho detto mi piace ricordare esperimenti che mostrano la verità sui campi metamorfici:
si è visto che una scimmia che apprende come sbucciare una banana influenza scimmie della sua stessa specie anche se lontane e relegate su un’isola. Improvvisamente, anch’esse inizieranno a sbucciarsi la banana come se qualcuno l’avesse insegnato anche a loro. Cominciamo quindi a capire che ogni nostra azione si ripercuote sul sistema come il sistema ha il potere di influenzare noi.
In sintesi Di.Co.Si.® nella Via del SÉ®
è un metodo grazie al quale, con la consapevolezza acquisita, si può scegliere di dire:
“SÌ” in modo totalmente maturo, responsabile e consapevole
al risveglio della propria Coscienza e all’appartenenza al Sistema del SÉ con le sue Leggi universali e i suoi Valori per poter integrare nella propria vita Amore e Prosperità incondizionati.

Il Potere dell’Amore fa paura alla paura e ci rende liberi
“La Via del SÉ” Maria Cristina Piras

Questa è una frase cardine nel percorso La Via del SÉ che insegno.
L’Amore libero e consapevole, con la sua Saggezza permette di superare il potere con cui il sistema terrestre attraverso la paura ci tiene asserviti a sé.