I PORTHALI DEL SÉ (3)

Tutta la vita siamo immersi in suoni armonici e disarmonici e l’aria è impregnata di odori gradevoli e sgradevoli. Ascoltiamo o chiudiamo le orecchie e il naso ma quante volte ci soffermiamo ad ascoltare le nostre percezioni, connessioni, reazioni interiori scatenate da musiche e profumi? Poche volte e senza consapevolezza.  … e così, tanta vita scorre sprecata nella sua più bella funzione: quella di fare conoscere a noi stessi l’Essenza di Noi Stessi attraverso esperienze sensoriali.

Nei percorsi della Via del SÉ che ho proposto negli scorsi anni si sono formati al sentire profondo professionisti talentuosi. Tra loro, per la Musica è rimasta al mio fianco per la ricerca terapeutica del suono Paola Moschini, per la cura con gli oli essenziali e la verifica spettrofotometrica delle Acque a luce bianca Monica Nardon.

In questo corso, l’obiettivo comune, anche se in arti diverse, è lo stesso: AIUTARE L’ALTRO A RITROVARE LA MEMORIA DI SÉ, A RICONNETTERSI AL SUO SÉ

È per questa ricerca continua e condivisa da lungo tempo che ho chiesto a loro di collaborare con me in questo nuovo percorso sui chakras dei PORTHALI del SÉ.

Paola

Nel 3° incontro sarò con voi per un laboratorio musicale. Non è necessario conoscere le note musicali; insieme sarà più facile imparare ad ascoltare con l’orecchio del Cuore. Da quello spazio puro riconosceremo quale musica apre ed espande, quale chiude e costringe, quale tocca in profondità ed emoziona, quale annoia e distoglie. Sperimentando l’ascolto delle percezioni interiori contemporaneamente ai suoni esteriori comprenderemo cosa significa “CONSAPEVOLEZZA del SENTIRE SONORO”

Faremo anche una piacevole scoperta: la Musica del nostro nome, la forza del suo accento, la bellezza del suo ritmo. Lasceremo vibrare le vocali nei chakras per lasciarci attraversare dalla sua Armonia, e con stupore sentiremo il cambiamento delle nostre percezioni e della nostra voce quando entreremo in accordo con la vibrazione dell’AcHuarmonica.

Monica

Ci incontreremo al 4° modulo del percorso, il PORTHALE VIOLA, la profondità delle radici. Non è un caso; l’olfatto è il senso che risveglia più degli altri memorie profonde, anche quelle dimenticate o rimosse. Riporta l’incompiuto del passato nel Tempo Presente per riconoscerne la funzione.

Ognuno è connesso al profumo del fiore che il suo SÉ rappresenta. Per questo la memoria del SÉ di ciascuno di voi sarà risvegliata attraverso il piacere di un profumo diverso. Lo scopriremo con i colori della scala caldaica abbinati agli oli essenziali e con le vibrazioni dell’AcHuarmonica.

Aromi inebrianti hanno il potere di attraversare muraglie mentali e vincerne la resistenza senza bisogno di distruggerle, semplicemente aspettando che il piacere della Gioia sciolga col suo calore la fredda rigidità della mente.

Il Regno Vegetale con le piante, le resine, i fiori crea un ponte fra Terra e Cielo e gli oli essenziali sono la potenza di questa unione.

A CHI CI RIVOLGIAMO CON QUESTO CORSO